EMERGENZA COVID-19: i rimedi civilistici offerti per contrastare il danno patito dalla parte contraente

Le misure straordinarie adottate per far fronte all'emergenza sanitaria "COVID 19", pur non interferendo sui rapporti giuridici di natura privata, potrebbero incidere (o aver già inciso) sulla capacità di eseguire o ricevere le prestazioni contrattuali. In particolare, la perdita dei ricavi delle imprese, causata dalla chiusura e/o dalla contrazione delle attività imposta da Governo, potrebbe determinare l'impossibilità di adempiere alle obbligazioni contrattuali assunte, con particolare riferimento ai contratti di durata.

Il nostro ordinamento prevede alcune ipotesi in cui un contratto può essere risolto al verificarsi, successivamente alla sua stipulazione, di eventi imprevedibili e straordinari. I provvedimenti governativi adottati dalle autorità competenti a fronte dell’emergenza sanitaria COVID-19 sono da considerarsi eventi imprevedibili e straordinari tali da poter giustificare la risoluzione di contratti e/o l’estinzione delle obbligazioni in essere. 

Nello specifico, al verificarsi di fatti oggettivamente imprevisti ed imprevedibili che rendano l’esecuzione della prestazione contrattuale onerosa e/o impossibile, il debitore potrà invocare il verificarsi di:

  1. sopravvenuta impossibilità definitiva di eseguire la prestazione;
  2. sopravvenuta impossibilità temporanea di eseguire la prestazione;
  3. eccessiva onerosità sopravvenuta.

Sopravvenuta impossibilità definitiva

L’obbligazione si estingue laddove, per cause non imputabili al debitore, la prestazione divenga definitivamente impossibile da eseguire. Al fine di ottenere l’estinzione dell’obbligazione, con conseguente esonero della responsabilità, l’impossibilità di esecuzione della prestazione deve avere caratteristiche precise dovendo essere: sopravvenuta, oggettiva, assoluta e non imputabile al debitore.

Sopravvenuta impossibilità temporanea

Nel caso in cui la prestazione divenga solo temporaneamente impossibile da eseguire, l’obbligazione contrattuale non si estingue ma viene sospeso l’obbligo dell’adempimento, con esclusione della responsabilità del debitore per il ritardo.

Eccessiva onerosità sopravvenuta

L’obbligazione diviene eccessivamente onerosa quando avvenimenti straordinari ed imprevedibili (tali, nel caso di specie, sono sia i provvedimenti emanati dal Governo sia l’emergenza sanitaria in sé) impongano all’obbligato un sacrificio economico che eccede la normale alea del contratto (da valutarsi caso per caso).

A differenza dell’impossibilità della prestazione, l’eccessiva onerosità sopravvenuta non produce alcun effetto liberatorio automatico (e, quindi, non risolve di diritto il contratto). La risoluzione del contratto, in mancanza di accordo tra le parti (riduzione ad equità del contratto), va accertata e dichiarata giudizialmente. 

Leggi anche

COVID – 19 e Credito d’imposta sanificazione: entro il 7 settembre l’invio della comunicazione all’Agenzia delle Entrate

Come noto, il c.d. “Decreto Rilancio” ha introdotto specifici benefici collegati alle spese sostenute per:
– l’adeguamento degli ambienti di lavoro collegato al contenimento della diffusione del COVID-19
– la sanificazione dei luoghi di lavoro / acquisto di dispositivi di protezione (DPI) atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti.

Leggi tutto »

EMERGENZA COVID-19: le indennità previste a favore dei lavoratori autonomi

Il Decreto Cura Italia ha introdotto, tra le altre misure, alcune indennità di sostegno in favore dei lavoratori le cui attività stanno risentendo dell’emergenza epidemiologica dovuta al Covid – 19. Si tratta di indennità di importo pari ad € 600, non soggette ad imposizione fiscale ed erogabili a favore di contribuenti iscritti alle Gestioni INPS artigiani, commercianti e separata.

Leggi tutto »